Marco Mengoni @ Palalottomatica Roma 2016

Marco Mengoni 2016 Marta Coratella Production Management Kick Agency

Sei un organizzatore di eventi, l’idea è buona e i problemi sono tanti? Clicca qui!


Marco Mengoni, ieri ha davvero aperto il cuore ai propri fan

Roma, 25 Novembre 2016

Nonostante i tagli, infatti, la durata dello spettacolo di Marco Mengoni è pressoché identica: le scelte estendono il suo desiderio di personalizzazione del concerto.

Le hit non sono l’unico fuoco, ma si ragiona per atmosfere, ambientazioni e emozioni da trasferire al pubblico.

Si capisce dal momento in cui canta «One dance» di Drake avvicinandola alla nuova «Onde».

Ha anche, accorpato la sezione finale della scaletta trasformandola in un medley disco come fosse una compilation.

Ai suoi brani «Una parola» e «Io ti aspetto», ha aggiunto «I feel love» di Donna Summer e la cover «End of time» di Beyoncé (tra l’altro, clamorosa).

Dopo la sezione conclusiva con «Guerriero» ha chiuso il live con un medley reggae (che dovrebbe essere il trasferimento autunnale del medley portato sul palco in estate).

Il «Mengoni Live 2016 – Tour Autunno» di Marco Mengoni è ricco, diverso ed è il più completo rispetto rispetto ai precedenti.

Poi, come sempre, ci sono le cose che non si sentono solo con l’uso delle orecchie e sono le mie preferite.

Se nel live 2015 Marco si era quasi imposto (ce lo aveva anche dichiarato apertamente) di voler parlare poco e di lasciar parlare le registrazioni che lo facevano sentire più sicuro, qui Marco ieri ci ha davvero aperto il cuore.

I ringraziamenti e le sue dediche al pubblico sono diventate più complesse e dirette, come quella fatta alle donne parlando diffusamente del concetto di libertà:

«Le donne sono state le ultime a ricevere le libertà naturali e umane».

Dice Marco Mengoni: «La libertà è una parola che se riusciamo a capirla, riusciamo a prenderla.

“…in questo periodo mi sono reso conto che che non avevo tempo di pensare alle emozioni che vivo. Se ogni tanto mi vedete con la testa tra le nuvole è perché in questo momento mi sto godendo quello che ho davanti, mettendomi per un attimo da parte”.

Marco Mengoni in concerto al Palalottomatica di Roma Novembre 2016

Durante il concerto, si anche è speso tanto vocalmente, più di quanto non abbia già fatto nelle precedenti occasioni live.

Ha mollato gli ormeggi e tolto tutti i freni, cantando in modo ancora più potente, giocando a far «suonare» la sua voce in modo ancora più libero.

I fan di Marco Mengoni sono stati molto fortunati: hanno visto un processo di cambiamento, repentino e velocissimo, in un arco di tempo breve.

Solo questo cambiamento ha permesso di raccontare qualcosa di nuovo al pubblico, raccogliendo il suo Esercito senza mai deluderlo.

È un rischio che si è preso dosando, studiando e guardandosi intorno per dare 100 dopo aver dato 50 e 150 dopo aver dato 100.

Con la pubblicazione di «Marco Mengoni Live» il 25 novembre, Marco Mengoni conclude un ciclo di carriera incredibile.

Questo tour «di chiusura» è il contrario dell’affanno che ci si poteva aspettare. È stato espressione completa e per questo vibrante della sua conquistata serenità.

Si ringraziano le fonti:

Alessandro Alicandri per www.sorrisi.com

foto by Marta Coratella per www.rockol.it


Powered By Kick Agency

Commenta ora su Facebook: Kick Agency


Cliente: The Base