Lordi @ Orion Club – Roma 2015

Kick Agency, Roma, Produzione Eventi, Gestione Eventi, the base, lordi, orion

05 Marzo 2015

(Foto di Sabrina Vani per Metallus.it)

I Lordi tornano con un nuovo album e c’è poco da fare: saranno pacchiani, saranno l’immobilismo sonoro fatto persona, ma sono irresistibili. Un nuovo mostro in formazione, nuovi costumi, e con…la vecchia musica; quel sano hard rock leggermente metallizzato che ha visto negli anni ’80 il suo massimo periodo di splendore.

E’ da poco uscito “Scare Force One”, il nuovo album di LORDI che è stato apprezzato da fans e critica specializzata. La band finlandese è pronta ad affrontare un tour europeo che prevede tre tappe in Italia: Milano, Roma e Pordenone. Sarà un vero e proprio spettacolo horror come solo loro sanno fare!

I fan pervenuti sono comunque molto eccitati e accolgono con grande calore Lordi non appena si presentano sul palco, dovuto con ogni probabilità anche a una scaletta molto ammiccante che ha mischiato sapientemente brani del nuovo disco con brani più risalenti e veri e propri classici, senza riservare questi ultimi esclusivamente all’encore come invece sono solite fare molte altre band, anche blasonate.

Come noto, sotto l’aspetto musicale i Lordi traggono ispirazione dai grandi protagonisti dell’hard rock e dell’heavy metal dei primi anni ottanta ma, quanto alle loro esibizioni live, i loro modelli sono artisti come Alice Cooper, Twisted Sister, W.A.S.P. e gli altri esponenti di spicco dello shock rock; non è quindi mancata anche questa volta la corposa componente spettacolare consistente in cadaveri fatti a pezzi, sangue – finto – ovunque (anche sul pubblico), fuochi d’artificio e razzi dagli strumenti, illusionismo e magia.

Complessivamente lo show è durato circa due ore, interrotte solo dagli assoli in cui tutti i membri hanno potuto prodigarsi su gentile concessione del padre-padrone Mr. Lordi. La qualità dello show è stata sicuramente molto elevata, sia per la parte visiva sia per la parte musicale (ottimo l’audio proveniente dall’impianto); l’unico che è parso un po’ sottotono è stato invece proprio Mr. Lordi, la cui voce già roca è sembrata un po’ affaticata. Sempre massimo rispetto, in ogni caso, a chi tiene il palco per due ore sotto il peso di enormi costumi e indossando scarpe scomodissime, versandosi addosso litri di sangue finto e sopportando il famigerato calore delle luci di scena.

 

– Powered by Kick Agency

Cliente: The Base