Depeche Mode @ Olimpico Roma 2017

Depeche Mode live Olimpico Roma - 25 giugno 2017

Sei un organizzatore di eventi, l’idea è buona, ma i problemi sono tanti?

Clicca qui!


Con il Global Spirit Tour, i Depeche Mode infiammano l’Olimpico.

Roma, 25 Giugno 2017

Kick-Agency-Depeche-Mode-Olimpico-25-Giugno-2017- 9

Lo stadio freme. Oltre 50.000 fan elettrizzati attendono il loro arrivo. Di chi parliamo? Dei leggendari Depeche Mode, all’Olimpico di Roma con il loro Global Spirit Tour 2017.

Kick Agency ha curato il reperimento e la coordinazione di tutti i runner di produzione. La Produzione di un Evento di tale portata implica sempre energia, attenzione, una moltitudine di risorse umane in campo e la gestione continua di immensi flussi d’informazione. Il RUNNER che spesso passa come una figura marginale, invece è colui che “trova le cose” all’ultimo momento, consente i pick up e i transfer dei tecnici e degli artisti garantendo puntualità e incolumità e fa in maniera che tutti abbiano ciò che gli necessita, spesso parla diverse lingue e interviene anche con soluzioni estemporanee ma necessarie. Un lavoro faticoso, ma utilissimo per far funzionare un meccanismo ad orologeria delicato e soggetto a mille variabili inattese.

Solo a load-out ultimato, quando anche l’ultimo truck esce dall’Olimpico, si riprende fiato. Ed arrivano (anche) le soddisfazioni. Perché un live ben riuscito è sempre frutto di un tenace lavoro di squadra.

 

Kick-Agency-Depeche-Mode-Olimpico-25-Giugno-2017- 12

On stage

Tre maxischermi, una passerella che entra nel pubblico e la spettacolare video-animazione ‘stile Pollock’  del regista Anton Corbijne.

Poco dopo le 21.00 il trio di Basildon sale sul palco. Boato dei fan.

I decibel aumentano e appare Dave Gahan, che apre con Going Backwards.

Quella dei Depeche Mode è una scaletta  bilanciata tra lavori in studio del passato e brani più recenti.

Stripped è pura magia, Enjoy the silence è una festa, dove batteria e tastiere quasi si fondono.

Si chiude in bellezza con Never let me down, cheprovoca un’onda umana tra gli spalti.

Bis. Somebody cantata da Martin Gore, provoca brividi lungo la schiena e occhi lucidi in platea.

Il gruppo cala un poker finale, che è una scarica di adrenalina.

Walking in my shoes, una cover di Heroes di David Bowie, la minimale I feel you e, per finire, una monumentale Personal Jesus, che fa scattare in piedi la sala stampa.

Due ore di grande musica, si chiudono con una lunga (e meritata) standing ovation.

36 anni e non sentirli…

1981 – 2017. Oltre cento milioni di dischi venduti. 

Il Global Spirit Tour dei Depeche Mode celebra una band che, in 35 anni di carriera, ha sperimentato in modi inediti elettronica e rock, sintetizzatori e strumenti tradizionali, restando sempre fedele a se stessa. E sopratutto, inconfondibile.

Si ringraziano le fonti:


Powered by Kick Agency

Commenta ora su Facebook: Kick Agency


Cliente: The Base